Tre videoclip di Cascine Piemontesi per promuovere l’asparago di Santena e delle Terre del Pianalto

Con l'innalzamento delle temperature, a livelli praticamente estivi, in Piemonte è entrata nel pieno dell'attività la raccolta degli asparagi. Il freddo primaverile ha inizialmente rallentato lo sviluppo dei germogli in pieno campo; la raccolta, iniziata all'inizio  del mese di maggio, si protrarrà ancora per tre settimane.

A causa dell'andamento siccitoso della stagione – come chiariscono i tecnici di Confagricoltura - la produzione sarà inferiore alla media delle annate precedenti; la qualità però è ottima e il raccolto trova una veloce collocazione sul mercato.

Tre videoclip di Cascine Piemontesi per promuovere l'asparago di Santena e delle Terre del Pianalto

Il principale areale di produzione a livello piemontese è nel territorio del Santenese e del Pianalto di Poirino. Sono oltre 260 ettari di asparagi coltivati in Piemonte da 640 imprese agricole: Torino è la provincia con la maggior superficie, 90 ettari, seguita da Cuneo con 73 ettari e Vercelli con 71 ettari (elaborazioni Confagricoltura su dati Regione Piemonte). Complessivamente la produzione, in annate medie, si assesta sui 50 quintali per ettaro; quest'anno, a causa della siccità, il raccolto sarà inferiore del 20 – 30%.

Per illustrare le caratteristiche dell'asparago di Santena e delle Terre del Pianalto (prodotto agroalimentare tradizionale del Piemonte dal 1999) e diffonderne la conoscenza al pubblico dei consumatori Cascine Piemontesi ha realizzato una campagna promozionale, con la produzione di tre videoclip che illustrano il territorio, le tecniche di coltivazione e l'utilizzo del prodotto in cucina. I videoclip possono essere utilizzati liberamente dai produttori e dagli enti pubblici del territorio.

Di seguito i link per accedere ai contenuti multimediali:

I videoclip sono stati prodotti da BCreate - Ideazione, progettazione e cura editoriale di Ercole Zuccaro, testi a cura di Angela Manglaviti.

Leave a comment

UN CONCERTO IN PIAN CANSIGLIO PER LA GIORNATA MONDIALE DELLA BIODIVERSITA’ E IN OMAGGIO A DINO BUZZATI

Si è svolto ieri in concomitanza con la Giornata Mondiale della Biodiversità, nella splendida cornice del Pian del Cansiglio, un recital per pianoforte con intermezzi recitati tratti da "Il segreto del Bosco Vecchio" del grande scrittore bellunese Dino Buzzati, del quale quest'anno ricorre il cinquantesimo della scomparsa. Il messaggio del Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia.

CONCERTO IN PIAN CANSIGLIO PER LA GIORNATA MONDIALE DELLA BIODIVERSITA' E IN OMAGGIO A DINO BUZZATI

Un evento omaggio a questo territorio e alla sua foresta, che ha registrato una folta partecipazione di ospiti e aperto a tutti i turisti che hanno potuto ascoltare, immersi nella quiete dei prati e della natura di questi luoghi vocati alla biodiversità, Gloria Campaner che ha eseguito la Toccata e fuga in re minore BWV 565 e i sei momenti musicali Op. 16 di S. Rachmaninov accompagnata dalla voce recitante di Andrea Bellacicco con brani tratti dal bellissimo romanzo dello scrittore bellunese.

"Il mio plauso per l'iniziativa promossa da Veneto Agricoltura nella Giornata Internazionale della Biodiversità" - dichiara il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia - "Il Cansiglio è un luogo di elezione della biodiversità, la prima area certificata al mondo per il servizio ecosistemico della tutela della biodiversità secondo lo standard internazionale PEFC "Foresta amica. In quest'occasione si è celebrato il Cansiglio ma anche il grande scrittore bellunese, Dino Buzzati nel 50° anniversario della sua morte, con la musica e testi tratti dal suo "Il segreto del Bosco Vecchio", in cui ricorda che "la foresta più bella, se pur minore, il cosiddetto Bosco Vecchio, era stata completamente rispettata", quasi a presagire nel 1935 l'importanza di tutelare il nostro ambiente. Oggi possiamo farlo con scelte di vita sostenibili, sia sociali sia economiche. È un obiettivo che coinvolge tutta la comunità per garantire un futuro migliore e salvaguardare i nostri ecosistemi tenendo conto delle attività umane ma anche dei cambiamenti climatici".

Link video: https://youtu.be/bet_W5VAL0o

Leave a comment

Le migliori occasioni vitivinicole nei colli orientali del Friuli Venezia Giulia e Isonzo!

Bellissime tenute vitivinicole, cantine, vigne e terreni nei Colli Orientali FVG e Isonzo!

Abbiamo in vendita bellissime tenute vitivinicole, cantine, vigneti e terreni di diverse dimensioni nelle zone dei Colli Orientali del Friuli Venezia Giulia e dell'Isonzo.
Le tenute, i vigneti e i terreni sono situati in zone pianeggianti, collinari e panoramiche; sono trattorabili con le più aggiornate tecniche della vitivinicoltura. Vantano un buon brand commerciale.
In questi territori si producono vini tipo:  vini rossi e bianchi come la Ribolla Gialla, il Pinot Grigio, il Sauvignon, il Cabernet Franc, il Merlot, il Pignolo, il Refosco dal Peduncolo Rosso e lo Schioppettino.

Per maggiori informazioni inviare lettera di interesse non vincolante con dati del possibile acquirente a: info@tenuteagricole24.it
o telefonare al + 39 375 5602855

Tenute cantine vigneti e terreni nei Colli Orientali FVG

    Nome

    Email

    Informazioni

    Leave a comment
    Style Selector
    Select the layout
    Choose the theme
    Preset colors
    No Preset
    Select the pattern
    EnglishItalian