Chips a base di farina di insetti: Fucibo lancia sul mercato i primi prodotti italiani a base di insetti commestibili

 Le Chips di Fucibo sono il primo prodotto italiano ad arrivare sul mercato e l'unico realizzato con farine di insetti autorizzate dalla Comunità Europea. Uno snack di mais disponibile nei gusti pizza e formaggio, realizzato con farine di insetti ricche di proteine complete, ferro, vitamine e altamente sostenibili.

Chips a base di farina di insetti: Fucibo lancia sul mercato i primi prodotti italiani a base di insetti commestibili

Se ne parla da molto, e da oggi anche in Italia si possono acquistare prodotti alimentari che contengono un nuovo, straordinario ingrediente: la farina di insetti. Le chips di Fucibo non sono solo il primo prodotto italiano ad arrivare sul mercato, ma sono anche l'unico realizzato con farine di insetti autorizzate dalla Comunità Europea.

Si tratta di uno snack di mais cotto al forno studiato appositamente per avvicinare i consumatori agli insetti commestibili in modo facile e accattivante, perfetto per accompagnare un momento di condivisione durante un aperitivo o una festa, ma ottimo anche da apprezzare da soli per un break alternativo e innovativo.

Gli insetti sono una fonte di proteine complete, di ferro, di vitamine e sono incredibilmente sostenibili: per la loro produzione si richiede meno acqua, meno cibo, meno suolo rispetto agli allevamenti tradizionali (bovini, suini, ovini, avicoli) e le emissioni di gas serra sono drasticamente ridotte.

Grazie alla farina di insetti, le chips Fucibo hanno meno grassi e più proteine rispetto a quelle tradizionali e sono disponibili nei gusti pizza e formaggio: il mix perfetto di tradizione e innovazione.

"Il settore dei prodotti a base di farine di insetti farà passi da gigante nei prossimi anni, e noi siamo pronti. Nel 2022 usciremo con altri prodotti come la pasta, i biscotti e i crackers per poi dedicarci allo sviluppo di altre idee a cui stiamo lavorando. Siamo convinti che il made-in-Italy sarà per noi un vantaggio importante nei mercati esteri, dove già l'apprezzamento per l'agroalimentare italiano è vivissimo" commenta Davide Rossi, co founder di Fucibo.

Per acquistare le chips e per maggiori informazioni sui prodotti e sugli insetti commestibili è possibile consultare il sito fucibo.com.

 

 

Leave a comment

Trentino, a Natale si regala il gusto con la Strada del Vino e dei Sapori

I momenti più belli del Natale si passano sicuramente a tavola, in compagnia di parenti e amici, davanti ad un buon piatto e ad un immancabile calice di vino, ma soprattutto condividendo tempo e attività insieme. Gioie della vita che si possono anche regalare, per un dono sotto l’albero diverso dal solito e sicuramente gradito, adatto anche a qualsiasi altra ricorrenza speciale.

Trentino, a Natale si regala il gusto con la Strada del Vino e dei Sapori

Ecco perché anche quest’anno la Strada del Vino e dei Sapori del Trentino ha raccolto una serie di proposte disponibili su tutto il territorio provinciale, tra esperienze di gusto, visite in cantina, laboratori creativi e speciali proposte vacanza, e fruibili durante tutto il corso dell’anno.

In primis le esperienze di gusto, appunto: Taste&Walk, Taste&Bike e Taste&Train. Si tratta di  una serie di percorsi a tappe da vivere in giornata, con spostamenti a piedi, in bici o in treno, gestibili in totale autonomia e intervallati da soste enogastronomiche presso gli associati della Strada, tra visite guidate, pranzi, degustazioni e laboratori, per scoprire i paesaggi più suggestivi e le migliori produzioni food&wine, ma anche storia e cultura del territorio. Numerose le opportunità, adattabili eventualmente a specifiche esigenze dell’utilizzatore finale, che toccano i più diversi territori per esaltarne le specificità: dall’architettura e le colline del capoluogo ai paesaggi vitati di Vallagarina e Piana Rotaliana, dai percorsi tra i vigneti eroici della Valle di Cembra ai panorami del Monte Baldo, Alpe Cimbra o Altopiano della Vigolana, fino agli itinerari alla scoperta di Giudicarie, Valle dei Laghi e zona del Garda.

Tra le proposte gourmet, numerose opportunità di donare buoni presso alcuni ristoranti del territorio, come l’Alpine Lounge Meriz di Fai della Paganella, il Family Chalet Dosson di Andalo, la Locanda 2 Camini di Baselga di Pinè, la Locanda delle Tre Chiavi di Isera, la Pasticceria Dolcemente Marzari di Trento e il Ristorante al Vò di Trento.

Diverse anche le proposte vacanza, con pacchetti per tutti i gusti presso Il Piccolo Dolomiti Resort di Andalo, l’Agriturismo Vallarom di Masi di Avio; il B&B Le Tre Chiavi di Isera, il B&B Alla loggia dell’imperatore di Levico Terme o il Wanderlust B&B di Folgaria.

E se invece si desiderasse regalare una visita in cantina? Nessun problema, a disposizione Azienda Agricola Balter di Rovereto; Azienda Agricola La Cadalora di Ala; Azienda Agricola Martinelli di Mezzocorona; Azienda Agricola Biologica, Biovegan Vallarom; Azienda Agricola Donati Marco di Mezzocorona, Azienda Agricola Zeni Roberto di Grumo di San Michele all’Adige; Distilleria Marzadro di Nogaredo; Maso Martis di Trento; Villa Corniole di Verla di Giovo e Villa Persani di Pressano di Lavis. La durata delle visite è di minimo un’ora e comprende anche la degustazione di una selezione di prodotti.

Diversa dal solito anche la proposta di laboratori, come quella di A. Folletto di Pieve di Ledro, dove si può scegliere di imparare a realizzare una crema artigianale, fiori e saponette o prodotti a base di botaniche selvatiche, o del Museo degli Usi e costumi della Gente Trentina di San Michele all’Adige, che propone la semplice visita o l’abbinamento ad un laboratorio di panificazione ed educazione al gusto. La Locanda 2 Camini di Baselga di Pinè, invece, si concentra sui corsi di cucina, grazie alle lezioni di Franca Merz, seguite da relative degustazioni dei menù realizzati.

Non mancano, infine, i cesti e le confezioni regalo. Attualmente sul sito si possono trovare le proposte di A. Folletto, laboratorio chimico-farmaceutico di Pieve di Ledro, con i suoi distillati, cosmetici, sciroppi e creme; Agraria Riva del Garda, tra vini e prodotti gastronomici del territorio, disponibile anche a personalizzazioni; Azienda Agricola ai Masi di Novaledo con confezioni miste di sciroppi, biscotti, succhi, raw food, ecc.; Azienda Agricola Martinelli di Mezzocorona, che propone il vino in abbinamento a speciali confetture di frutta; Azienda Agricola Balter di Rovereto, con i suoi spumanti metodo classico; Azienda Agricola e Distilleria Casimiro, con grappa e vino in abbinamento a dolci e altri prodotti del territorio; Azienda Agricola Donati Marco di Mezzocorona, con i suoi vini tra cui il classico Teroldego Rotaliano; Azienda Agricola Zeni Roberto di Grumo di San Michele all’Adige, che si concentra sui vini autoctoni e la grappa; Pasticceria Marzari di Vigolo Vattaro di Altopiano della Vigolana, che dà spazio alla pasticceria, in abbinamento a Trentodoc e sciroppi; Revì Trentodoc di Aldeno che abbina il suo demi-sec con un panettone in cui lo spumante è ingrediente speciale; Villa Corniole di Verla di Giovo, che propone la confezione da 3 o da 6 bottiglie tra vini e spumanti aziendali; Villa Persani di Pressano di Lavis, che propone confezioni regalo da 3 o da 6 bottiglie tra vini e succhi aziendali; Vivallis, che ha realizzato confezioni regalo in astucci personalizzati linea Depero con vini e, a scelta, gadget a tema.

Leave a comment

LA “CORONA RADIOSA” SPLENDE SU TREVISO

Le Beccherie riceve il riconoscimento dalla Guida Il Golosario di Paolo Massobrio e Marco Gatti.

LA "CORONA RADIOSA" SPLENDE SU TREVISO

Si è tenuta a Milano la premiazione della Guida Il Golosario che ha visto co-protagonista il Ristorante Le Beccherie di Treviso, grazie alla conferma della "Corona Radiosa"«Ci fa piacere che il nostro lavoro venga riconosciuto e apprezzato. Questi traguardi sono particolarmente importanti in questo periodo di ripartenza per la ristorazione italiana», affermano gli Chef de Le Beccherie Manuel Gobbo e Beatrice Simonetti e la responsabile di sala Sara Piciullo, presenti alla premiazione della Guida Il Golosario. Un pensiero condiviso anche dal direttore del locale Andrea Corletto e dal titolare Paolo Lai.

In questi anni Le Beccherie ha saputo da un lato custodire e promuovere a livello internazionale l'eredità del Tiramisù, codificato proprio in questo ristorante da Alba Campeol e dal marito Ado, recentemente scomparso, come ricordato durante la presentazione da Paolo Massobrio, autore della Guida assieme a Marco Gatti.

Allo stesso tempo, grazie alla coppia di giovani chef e ad uno staff affiatato, si è caratterizzato per una cucina contemporanea, che fa incontrare nel piatto le migliori espressioni autoctone con prodotti appartenenti ad immaginari più distanti, viaggiando con i sapori senza mai perdere il contatto con il territorio.

 

Nel cuore pulsante della splendida città di Treviso, in un suggestivo angolo di storia alle spalle della celebre Piazza dei Signori, il ristorante Le Beccherie porta avanti una tradizione che ha origine nell'Ottocento.

Reso un punto di riferimento della città a partire dal 1939 con la gestione della famiglia Campeol, fu proprio in questo storico locale che nel dopoguerra prese infatti forma per la prima volta uno dei dessert simbolo della gastronomia italiana. La prima ricetta del Tiramisù, nata nel 1972 a Le Beccherie, fu proprio quella che il 15 ottobre 2010 venne ufficialmente depositata l'Accademia Italiana della Cucina.

Dal 2014 è Paolo Lai ad aver ripreso il filo della lunga tradizione di questo luogo, che dal 2017, grazie agli chef Manuel Gobbo e Beatrice Simonetti, raccontati in sala da Andrea Corletto e Sara Piciullo, affianca alla ricchezza dei prodotti locali un'ottica di valorizzazione moderna e sincera.

Leave a comment

A TAVOLA CON I VINI E I CIBI DELLE MARCHE: RI-CONVIVIAMO

I ristoranti delle Marche e la Regione si uniscono per celebrare la qualità di vini e prodotti locali: un calendario di 15 appuntamenti conviviali volti a valorizzare l'intera filiera enogastronomica marchigiana.

A TAVOLA CON I VINI
E I CIBI DELLE MARCHE:
RI-CONVIVIAMO

Nella fase di ripartenza dell'economia italiana nasce il progetto "Marche: dalla vigna alla tavola", voluto fortemente dalla Regione Marche con lo scopo di sostenere le imprese del settore enologico regionale di qualità con il coinvolgimento della ristorazione, il cui ruolo è stato rallentato, quando non completamente bloccato, dalla crisi pandemica.

Nel contesto di "Marche: dalla vigna alla tavola", Ri-Conviviamo è il nome scelto da 15 ristoranti per augurare un ritorno alla convivialità tipica di questa regione accogliente.

Valorizzare la filiera e favorire la sua ripartenza: con questo obiettivo è stato pensato un calendario di serate di degustazione aperte al pubblico, durante le quali i ristoratori proporranno i vini di 35 cantine coinvolte e le migliori materie prime del territorio marchigiano, risaltandone l'eccellenza tramite i propri piatti e le etichette in abbinamento.

Ri-Conviviamo è quindi un invito alla ripartenza, ma anche e soprattutto un messaggio di fiducia nelle enormi potenzialità del territorio, basate proprio sul turismo e sull'ospitalità. Si tratta di un'iniziativa realizzata con il contributo fattivo della Regione, a favore dei produttori e dei ristoratori marchigiani.

Di seguito la lista dei ristoranti, con le date in cui rispettivamente saranno realizzate le serate di degustazione, con l'elenco dei produttori vinicoli che partecipano all'iniziativa.

Ogni altra informazione è reperibile su: facebook.com/marchedallavignaallatavola.riconviviamo e sui portali www.cuocicuoci.com, www.lamadia.com e www.festivaldellacucinaitaliana.it.

I RISTORANTI

  • Ristorante "Amabile" - Frontone (PU) > 16 Settembre 2021
  • Ristorante "20-15" - Marotta di Mondolfo (PU) > 19 Settembre 2021
  • Hotel-Ristorante "Alla Lanterna" - Fano (PU) > 22 Settembre 2021
  • Ristorante "Due Cigni" - Montecosaro Scalo (MC) > 5 Ottobre 2021
  • Ristorante "Il Cuciniere" - Fano (PU) > 14 Ottobre 2021
  • Ristorante "Osteria L'Angolo Divino" - Urbino (PU) > 22 Ottobre 2021
  • Ristorante "Gibas" - Pesaro (PU) > 10 Novembre 2021
  • Ristorante "Da Tano" - Fano (PU) > 18 Novembre 2021
  • Ristorante-Pizzeria "Il Portico" - Fano (PU) > 19 Novembre 2021
  • Ristorante-Pizzeria "Da Farina" - Pesaro (PU) > 23 Novembre 2021
    • Ristorante "Il Grottino" - Gabicce Monte (PU) > 25 Novembre 2021
  • Ristorante "Amarantos" - Porto Recanati (MC) > 26 Novembre 2021
    • Ristorante "Bagni da Federico" - San Benedetto del Tronto (AP) > Novembre
  • Ristorante "Zasa" - San Benedetto del Tronto (AP) > Novembre
  • Ristorante "Antico Furlo" - Acqualagna (PU) > 10 Dicembre 2021

LE CANTINE

Az. Agraria Guerrieri

Il Conventino Monteciccardo

Colonnara Soc. Coop. Agricola

Az. Agrobiologica San Giovanni

Cantine Moroder

Terre di San Ginesio

Santa Barbara

Cantina Rovelli

Luca Cimarelli Staffolo

Cantina Di Sante

Roberto Lucarelli

Bruscia

Fattoria Villa Ligi

Az. Agr. Mariotti Cesare

Terracruda

Fattoria Mancini

Selvagrossa

Az. Agr. Mencaroni Federico

Cantina Santi Giacomo e Filippo

Vigna della Cava

Il Gelsomoro

Cantina Mezzanotte

Az. Agr. Claudio Morelli

Soc. Agr. Ciù Ciù

Az. Agr. Mazzola

Fattoria San Lorenzo

Agri La Fonte

Piantate Lunghe

La Lepre e La Luna

Cantina Rovelli

La Torre del Nano

Podere sul Lago

Tenuta Ca' Sciampagne

Serenelli

Cantina Colleminò

 

Leave a comment
Style Selector
Select the layout
Choose the theme
Preset colors
No Preset
Select the pattern
EnglishItalian