Produrre bottiglie vino in Pet a lunga conservazione con la soffiatrice SFL EVO di Sipa!

La SFL EVO è una macchina lineare di soffiaggio, che può essere munita da 1 fino a 8 cavità di soffiaggio e può produrre un’ampia gamma di contenitori.

Produrre bottiglie vino in Pet a lunga conservazione con la soffiatrice SFL EVO di Sipa!

La piattaforma può produrre bottiglie standard e personalizzate per riempimento a temperatura ambiente e a caldo, contenitori ovali con collo orientato, bottiglie multilayer, bottiglie leggere e piccoli contenitori per l’industria farmaceutica, ma anche grandi contenitori fino a 12 litri ad alta produttività.

Comparazione bottiglie in Pet con le bottiglie in vetro

Schema di paletizzazione a confronto bottiglie in Pet e bottiglie in vetro

Descrizione del processo

Impianto di manipolazione della preforma

Le preforme per la produzione industriale di bottiglie sono scaricate alla rinfusa dalle scatole di trasporto nella tramoggia preforme; un ribaltatore per cartoni standard e cartoni speciali è disponibile come opzione.

Le preforme sono poi movimentate dalla tramoggia tramite un nastro elevatore fino all’allineatore, tale sistema di allineamento è localizzato in una posizione elevata rispetto alla ruota di soffiaggio e ai forni, per consentire un apporto uniforme di preforme.

Le preforme sono allineate per gravità tramite due cilindri rotanti con il collo rivolto verso l’alto e si preparano a scorrere all’interno della macchina tramite uno scivolo regolabile in larghezza posto all’interno della cabina di sicurezza.

Trasferimento della preforma e condizionamento termico

Dallo scivolo di alimentazione le preforme sono caricate sulla catena di movimentazione tramite una ruota di carico senza pinze. Il platorello s’infila gradualmente nel collo della preforma tramite una molla che viene rilasciata tramite una camma meccanica.

Durante la fase di riscaldamento, le preforme ruotano continuamente per una perfetta distribuzione simmetrica del calore. I forni sono ventilati per mantenere la temperatura interna delle preforme bassa in modo che sia evitato un riscaldamento eccessivo della loro parete esterna. I forni sono modulari in questo modo possono essere integrati nei vari modelli in base alle esigenze di riscaldamento.

Le preforme trasportate all’interno di ogni forno passano davanti alle otto (8) lampade a infrarossi da un lato e da specchi con fessure verticali dall’altro; l’aria passa sulle preforme in direzione perpendicolare al loro asse, essendo stata aspirata da dei ventilatori centrifughi a velocità controllabile dalla parte inferiore dei forni secondo il seguente ordine: prima attraverso gli specchi, poi attraverso le preforme e le lampade essendo infine aspirata completamente nella parte superiore dei forni.

Per riscaldare preforme speciali sono disponibili come opzione: forni con lampade aggiuntive (9° e 10°), con passo lampada ridotto o con lampade di intensità superiore.

Le preforme nel passaggio tra i due banchi di forni hanno un determinato intervallo di tempo senza alcun tipo di riscaldamento, tale periodo è necessario per l’inversione della temperatura nelle preforme; durante questo arco di tempo la preforma non ruota.

All’uscita dei forni le preforme sono trasferite alla pressa di soffiaggio tramite un sistema con vite a passo variabile azionato da un servomotore, tale sistema è in grado di combinare il movimento continuo della catena preforme con il movimento a passo della pressa di soffiaggio. Il sistema di trasferimento è anche in grado di inserire le preforme con passo uguale a quello di soffiaggio, che è sempre maggiore rispetto al passo della catena preforme.

Stiro – soffiaggio

La fase di stiro-soffiaggio avviene all’interno di una pressa di soffiaggio completamente elettrica. Lo stampo di soffiaggio è installato con un numero di cavità che dipende dal modello della macchina.

Lo stiro assiale delle preforme è eseguito dalle aste di stiro, le quali si muovono insieme e sono guidate da un servomotore; in tal modo la ripetibilità e la consistenza del processo di soffiaggio sono aumentate notevolmente.

Il pre-soffiaggio con aria a bassa pressione e il soffiaggio con aria ad alta pressione sono regolati da valvole pneumatiche controllate elettronicamente, in base ai dati salvati nelle ricette di produzione con i parametri di processo e garantiscono quindi un set-up veloce, preciso e ripetitivo dei parametri di soffiaggio.

Durante il processo di soffiaggio ad alta pressione, l’apertura dello stampo è bloccata grazie ad un’appropriata compensazione usando la stessa aria di alta pressione; il sistema di recupero aria è disponibile in diverse configurazioni per il soffiaggio lineare; le valvole di ricircolo sono integrate nello stesso blocco delle valvole di soffiaggio.

Espulsione bottiglie

Al termine del processo di soffiaggio, quando l’aria è esaurita, lo stampo di soffiaggio si apre per rilasciare le bottiglie soffiate. Queste bottiglie sono poi scaricate da un sistema di trasferimento lineare, il quale è integrato meccanicamente alla pressa di soffiaggio.

La macchina può disporre come opzione di un sistema di scarico a valle in base alle richieste specifiche del cliente (nastro trasportatore, nastro trasportatore ad aria, ecc.)
Software di controllo

L’automazione ed il controllo della macchina di soffiaggio, viene effettuato tramite il software PLC, avvengono tramite un touch screen ad interfaccia grafica, che permette di accedere a tutti i parametri per il controllo della macchina, del processo di soffiaggio a caldo, degli allarmi e relativa diagnostica, delle statistiche di produzione. Fornisce inoltre una connessione modem con SIPA On-Line Teleservice per l’assistenza clienti.

Sistema di ricircolo aria (ARS®)

Il sistema di ricircolo aria (ARS®) può essere fornito come opzione per la SFL. Questo sistema recupera l’aria scaricata da ciascuna cavità di soffiaggio in un serbatoio d’aria incorporato nella macchina e la ridistribuisce in caso di necessità per il presoffiaggio e per l’aria di servizio, così come per altre necessità dello stabilimento, quando applicabile.

I due modi di produrre le bottiglie in Pet

Come opzione alternativa può essere installato nella SFL l’ARS Plus®; questo pacchetto di aggiornamento permette addirittura un ulteriore risparmio di aria compressa senza interferire con le condizioni di processo.

I palett bottiglie in Pet e bottiglie in vetro

Leave a comment

Sistemi SIPA per l’imbottigliamento e il confezionamento del vino

Alcuni dei migliori produttori di vino al mondo si affidano a SIPA per riempire e confezionare le proprie bottiglie. Chi conosce SIPA come leader nella progettazione e nelle tecnologie di produzione di bottiglie in PET, questo potrebbe una sorpresa. Ma da circa 13 anni, da quando la società madre Zoppas Industries ha acquistato il Gruppo Berchi nel 2008, SIPA si è specializzata nello sviluppo, produzione e consegna di linee complete di imbottigliamento e confezionamento per bottiglie di vetro e PET, comprese le bottiglie di vino.

Sistemi SIPA per l'imbottigliamento e il confezionamento del vino

Nomi famosi che includono il produttore di prosecco La Marca e Marchesi Antinori - utilizzano i macchinari SIPA per garantire che i loro vini raggiungano il cliente in ottime condizioni. Infatti, SIPA ha clienti vinicoli in Europa, Nord e Sud America, Asia, Sud Africa e Australia.

SIPA può progettare e testare bottiglie in PET per il vino

Le bottiglie in PET per vino stanno diventando sempre più popolari soprattutto in alcuni paesi/regioni e per alcuni motivi legati alla sicurezza (eventi speciali, in aereo, ecc.). Possono infatti offrire altri vantaggi oltre all'infrangibilità: sono più leggere rispetto a quelle in vetro (si pensi al trasporto), possono essere richiudibili, emettono meno CO2 durante la loro produzione e sono facilmente riciclabili.

Nel corso degli anni i designer di SIPA si sono impegnati per progettare bottiglie dall'aspetto simile al vetro e dalle forme classiche delle bottiglie di vino: Borgogna, Bordeaux, Riesling e Champagne. Il laboratorio SIPA ha effettuato diversi test con additivi barriera per PET in quanto tutti i vini, rossi e bianchi, sono sensibili all'ossigeno e alla luce che possono produrre diverse reazioni chimiche causando alterazioni del gusto e del colore. Vengono inoltre aggiunti additivi per garantire una barriera sufficientemente buona per almeno 12-24 mesi di shelf-life.

Produzione di bottiglie

Tutti i sistemi SIPA per la produzione di contenitori sono fondamentalmente adatti alla produzione di bottiglie in PET per vino: per produzioni di piccole e medie produzioni con bottiglie in PET blended è possibile utilizzare un unico stadio ECS SP. Per bottiglie di dimensioni maggiori, preforme multistrato e blended l'opzione migliore è la soffiatrice lineare SFL EVO. Quando la necessità è di produzioni più elevate, il sistema di soffiaggio rotativo XTRA è la scelta più adatta.

Scelta multipla nella depallettizzazione

SIPA offre diversi tipi di depalettizzatore, ad esempio, l'unità a paletta mobile completamente automatica Genius DS, che funziona a 180 strati all'ora, fino al depallettizzatore  DC/A, che arriva a 300 strati all'ora.

Formare e riempire cartoni

Quando si tratta di soluzioni di incartonamento, SIPA è forse l'unico fornitore in grado di soddisfare tutte le esigenze del cliente. Nella gamma Formex di formatrici di cartoni, diversi modelli raggiungono velocità fino a 50 cartoni al minuto. Per l'inserimento delle bottiglie nei cartoni, SIPA propone le incartonatrici convenzionali monotesta Jolly e multitesta Silent, tipicamente utilizzate per cartoni di tipo americano che; a seconda della versione, che raggiungono 3800 cicli all'ora.

Per i clienti che desiderano soluzioni di imballaggio più specializzate, i sistemi robotici Robby Pack a quattro o sei assi offrono livelli di personalizzazione molto elevati; con le sue teste di presa antropomorfe, il robot può incartonare bottiglie sia orizzontalmente che verticalmente, lineari, incrociate o capovolte, con o senza l’integrazione del dispositivo di inserimento alveari.

Robby Pack è in grado di gestire manipolazioni complesse, qualunque sia la dimensione del formato della bottiglia e l'output di produzione, fino a 40.000 bottiglie all'ora.

Wrap around

Uniwrap, invece, è una incartonatirce per cartoni wrap-around, disponibile con o senza inseritore di alverari. Uniwrap, con il suo design modulare, può gestire un'ampia gamma di formati e velocità, da 25 a 55 casse al minuto.

Uniwrap consente rapidi cambi di formato, senza utilizzo di strumenti o attrezzature aggiuntive. Questa tecnologia può essere integrata con un dispositivo supplementare, perfettamente integrato con la macchina, che fa di Uniwrap il primo sistema al mondo dotato di inseritore di alverari in cartone teso premontato. Ciò presenta numerosi vantaggi, non ultimo il fatto che questi alverari possono costare il 30% in meno rispetto al cartone ondulato.
Colla o nastro adesivo

Quando i cartoni necessitano di chiusura, anche qui SIPA offre varie opzioni: sistemi adesivi hot-melt per incollare lembi superiori e inferiori e gestire le linee più veloci che funzionano fino a 2500 cartoni all'ora; oppure con nastro adesivo per velocità fino a 1200 cartoni all'ora.

Pallettizzazione

Le soluzioni di pallettizzazione di SIPA includono l'unità tradizionale a palletta fissa Genius PTF e il pallettizzatore robotizzato Robby PAL. Il primo è caratterizzato dall'alimentazione a basso livello e include un trasferimento strato con piattaforma apribile. Inoltre può integrare anche un innovativo sistema di preparazione strati (Active layer) progettato per ottimizzare gli impianti di pallettizzazione a media e bassa velocità. E' composto da una testa di presa a pinza (brevettata da SIPA) installata su assi lineari, in grado di movimentare fino a sei pacchi contemporaneamente e garantendo una rotazione del pacco molto veloce, precisa e morbida. Robby PAL è molto flessibile: può infatti gestire diverse tipologie di contenitori e servire anche più linee contemporaneamente, si adatta facilmente ad aree di ingombro estremamente ridotte. SIPA offre numerose opzioni per le teste di presa.

Opzioni di avvolgimento e per la conservazione

Per la fasciatura dei pallet, ancora una volta, SIPA prevede diverse opzioni: il tipo a piattaforma rotante SPM, che può avvolgere fino a 40 pallet all'ora; il tipo a paletta fissa con braccio rotante SPF (70 pph) e il tipo ad anello rotante SPF/A.

Infine, il sistema di cestonatori/decestonatori nel caso ci sia la necessità di conservare le bottiglie di vino in cantina per l'affinamento, per poi rimetterle in linea per il confezionamento finale prima della spedizione al mercato. Le soluzioni possono essere personalizzate in base alle varie esigenze e utilizzare sia cestoni di metallo che di legno. I sistemi SIPA sono in grado di gestire ogni tipo di configurazione di bottiglia, con bottiglie disposte orizzontalmente o in verticale, con velocità di produzione da 2000 a 24.000 bottiglie/ora.

Sistemi chiavi in ​​mano

Va da sé che SIPA fornisce non solo i singoli elementi di una linea di imbottigliamento e confezionamento del vino, ma anche linee integrate complete, progettate e realizzate sulle singole esigenze del cliente. Se e quando vi è la necessità in tali linee di incorporare apparecchiature costruite da terzi, i dipartimenti di ingegneria e qualità di SIPA sono impegnati in continue attività di scouting di mercato per scoprire le migliori e più avanzate tecnologie applicative e i migliori partners nel settore.

Leave a comment

LINEE COMPLETE DI IMBOTTIGLIAMENTO E CONFEZIONAMENTO

LINEE COMPLETE DI IMBOTTIGLIAMENTO E CONFEZIONAMENTO

LINEE COMPLETE DI IMBOTTIGLIAMENTO E CONFEZIONAMENTO

Forniamo soluzioni per linee di confezionamento e d’imbottigliamento estremamente flessibili, ad alta efficienza ed elevata personalizzazione: attraverso l’attività di engineering arriviamo alla progettazione di soluzioni che soddisfino le più diverse esigenze produttive dei nostri clienti.

Il valore aggiunto del prodotto “linea”: engineering, standardizzazione e personalizzazione.

La nostra esperienza ci permette di definire standard specifici sia nella qualità del servizio che della componentistica (standardizzazione).

Gli impianti, infine, vengono progettati e realizzati sulle specifiche esigenze di ogni singolo cliente, nel

rispetto degli elevati standard qualitativi garantiti dalla nostra Azienda. (personalizzazione).

LINEE COMPLETE DI CONFEZIONAMENTO

Liee Confezionamento vino

SIPA è in grado di fornire linee complete ad alta efficienza e flessibili vino e alcolici progettate per

soddisfare qualsiasi esigenza specifica.

In particolare l’esperienza e l’ampiezza della gamma consentono la più grande libertà per le tipologie di

confezionamento: è in grado di coprire un ampio range di velocità e , anche grazie alla precisione e flessibilità delle applicazioni robotizzate, fornire la risposta ottimale per tutte le operazioni che richiedono manipolazioni complesse come l’incartonamento di bottiglie coricate, incrociate, capovolte ecc.

Velocità : fino a 15.000 b/o - Vetro

fino a 9.000 b/o – PET

SFL EVO : SOFFIATRICI LINEARI PER BOTTIGLIE IN PET

SOFFIATRICI LINEARI PER BOTTIGLIE IN PET

Velocità, qualità, versatilità ed efficienza energetica senza rivali.

Le soffiatrici lineari SIPA serie SFL sono un solido punto di riferimento nel mercato del packaging in PET da molti anni. Questa piattaforma è stata oggetto recentemente diuna evoluzione tecnologica che ha portato alla nuova serie SFL EVO.

Alta produttività, fino a 1,100 b/o/c

Da 2 a 8 cavità di soffiaggio

Macchina completamente elettrica, pulita e precisa

Grande flessibilità

Installazione e start-up estremamente rapidi (la macchina viene spedita direttamente con la cabina montata)

Tecnologia di facile utilizzo, con controllo totale del processo

Pressa di soffiaggio variabile

Leave a comment

Tipologie di bottiglie e contenitori in Pet per vino

Le nuove bottiglie in PET sono simili alle bottiglie di vino in vetro Bordeaux/Borgogna, sia nell’aspetto sia nel colore (verde/ambra); anche la dimensione del collo e la finitura della forma sono quelle delle bottiglie di vino. La chiusura può essere in alluminio o in plastica.

Tipologie di bottiglie e contenitori in Pet per vino

Dal punto di vista dell'iniezione, masterbatch e additivi devono essere aggiunti; sono disponibili sul mercato anche preforme multistrato.

La capacità è quella caratteristica delle bottiglie di vetro (0,75 litri e 187 ml), anche se si possono produrre in diverse dimensioni: da piccola/monodose a formati maggiori (da 1.5 a 3, max 20 litri).

Vantaggi delle bottiglie in PET:

  • sono più leggere rispetto a quelle in vetro
  • minore rischio di rottura e maggiore sicurezza
  • il packaging è ridotto e ha un costo inferiore
  • sono adatte all’e-commerce e al delivery
  • sono riciclabili
  • il ciclo di produzione riduce le emissioni di CO2
  • sono adatte a qualsiasi canale di vendita (privati, Horeca e GDO)
Leave a comment
Style Selector
Select the layout
Choose the theme
Preset colors
No Preset
Select the pattern
EnglishItalian